Google+

giovedì 21 maggio 2015

Il primo pagamento con Satispay

Oggi mi trovavo a Milano e ho approfittato dell occasione per collaudare un nuovo servizio di pagamento, Satispay, un azienda italiana che ha iniziato da poco con un servizio di pagamento che utilizza il codice IBAN e il numero di cellulare, dei suoi utenti per consentire dei pagamenti senza carta di credito/debito.
Il vantaggio principale di questo servizio è il ridottissimo costo al commerciante convenzionato (0,20 euro oltre i 10,00 euro per ogni transazione) e l eliminazione della carta di debito (pagobancomat/Visa/Mastercard) da parte dell utente che paga con una sicurezza a prova di "casalinga di Voghera" sbadata, senza MAI pagare commissioni per il traferimento di fondi dal proprio conto corrente!
In pratica per pagare basta richiedere questo tipo di pagamento al negoziante, si inserisce il codice PIN di 5 cifre all interno della propria applicazione Satispay nel cellulare, si seleziona l opzione di pagamento, si sceglie il nome del negozio, si inserisce l importo dovuto e infine si invia il pagamento! Il commerciante vede l accredito sul suo telefono/tablet e subito dopo arriva un messaggio al cliente che conferma l avvenuto pagamento.
Si potrebbe obiettare che una carta di debito ricaricabile è più semplice da fare (da parte di Satispay ci sono dei procedimenti particolari per collegare il conto o la carta dotata di IBAN dell utente al servizio) e ha dei rischi accettabili. Vedi ad esempio, una carta ricaricabile tipo la notissima Postepay o la nuovissima e innovativa Hype (che ho sul cellulare e anche come carta fisica).
Tanti possono pensare che in fondo con una ricaricabile basta accettare qualche rischio (la Hype ha particolari protezioni sulla sicurezza) e "risolvere la questione" con la richiesta di una delle tante ricaricabili e un accredito minimo depositato sopra, ma la prima cosa che non quadra in questo ragionamento è il costo delle ricariche (normalmente da 1,00 euro a 2,00 euro, tranne quasi tutte quelle che si possono ricaricare tramite bonifico/ATM) e il tempo dedicato alle ricariche!
Con Satispay nessuna ricarica deve essere fatta dall utente, il quale imposta una cifra di base che è intenzionato a mantenere sul proprio telefono, dopo di chè è il servizio stesso che provvede a trasferire da o verso il proprio conto corrente il denaro necessario al mantenimento di quella cifra, in automatico e senza commissioni!
Satispay consente inoltre l invio di denaro a qualsiasi altro utente Satispay con il solo inserimento del numero di cellulare contenuto nella rubrica del telefono. I soldi si spostano in tempo reale come avviene nei giroconti bancari e senza commissioni!
Satispay contribuisce ad abbassare i costi occulti che i commercianti addebitano ai loro clienti per rifarsi; dei costi delle transazioni, dell affitto dei terminali POS per le carte e delle truffe che possono subire con le carte clonate!
Satispay fa pubblicità ai commercianti, perchè con il GPS è possibile sapere quali sono i commercianti associati che ci sono intorno! (vedi sotto la mia esperienza pratica)
Satispay non richiede l uso esclusivo di un conto corrente, è possibile usare anche una carta ricaricabile con IBAN.
Satispay non è una carta fisica o virtuale, quindi non può essere clonata e non ha nessuna scadenza.
I cellulari con l applicazione Satispay possono usare la rete Wifi locale in assenza di rete cellulare (il locale in cui ho pagato è dotato di Wifi pubblico).
Satispay non necessita di cellulari con NFC per pagare nei negozi, come invece occorre a MySi di CartaSI, Apple pay e Android pay delle banche affiliate e altri.
Satispay da 10 euro in omaggio agli utenti che invitano i loro amici al servizio, vedi qui.

Ci sono anche dei difetti.
-Il più sentito è la lentezza dei movimenti IBAN via SDD (gli stessi che si usano nelle domiciliazioni delle utenze sul conto o sulle carte con IBAN) in questo periodo, ma mi è stato detto dall assistenza che entro il prossimo anno (sigh!) i trasferimenti SDD saranno di un solo giorno (vale anche per i festivi?).
-Non è istantaneo nei movimenti con IBAN via SSD come il recentissimo Jiffy pay (circuito bancario italiano attualmente in fase di inizio con dei difetti da risolvere, per gli scambi di denaro tra utenti)
-Si può pagare un commerciante solo in prossimità in base al GPS del cellulare, in questo momento non si può pagare in un sito on line e non è chiaro se lo scambio di denaro fra utenti debba avvenire solo in prossimità. 
Il trasferimento di denaro tramite il proprio numero di cellulare (non per i commercianti) che può dispiacere per la riservatezza. Basterebbe dare la possibilità di associare il numero ad un alias o alla propria email.
-Non da nessun credito, i soldi che usate con Satispay sono i vostri, questo vuol dire che le carte di credito continuano ad essere necessarie per chi ha bisogno di credito, ma non è escluso che in futuro si aggiunga anche un credito a richiesta dell utente, io me lo auguro!
-E tracciabile fiscalmente come tutti i movimenti bancari e tutte le carte registrate con il vostro codice fiscale, cosa che può non essere gradita in un paese ad altissima tassazione come l Italia.

Per finire dico come è avvenuto in pratica il mio primo pagamento con Satispay.....dalla teoria alla pratica, non sono mancate le sorprese!
Prima di tutto sono venuto a sapere di quel posto in cui ho mangiato SOLO perchè l ho visto sull applicazione Satispay a circa 100 KM di distanza da Milano! Quindi dal punto di vista pubblicitario è una bella botta a costo zero per chi fa pagare con Satispay!
Il posto si chiama Soup&go, vicino a piazza delle cinque giornate.
Ecco sotto la signora che mi ha fatto pagare con Satispay.

Una foto pubblicata da Ivano Bellini (@ivabellini) in data:


Aveva l iPhone scarico e ho dovuto aspettare che si caricasse per circa 10 minuti perchè, mi è stato detto che altrimenti non si accendeva! Sob! Questo dimostra che chi progetta queste ciofeche costose non è molto intelligente, infatti il mio Xiaomi da circa 150 euro con sistema Android MIUI non ha nessuna difficoltà ad avviarsi dopo che inizia la carica da zero! Anzi....se lo accendo subito durante la carica si dimezza il tempo di carica! :)
Il seguito l ho già detto sopra in sintesi, aggiungo solo che il procedimento mi è sembrato un pò rallentato, forse dalla linea telefonica e che non mi è stata data nessuna ricevuta della transazione come avviene con le carte, meglio....meno carta inutile che gira!
Io ho pagato 6 euro senza tirare fuori nessuna carta, la signora ha incassato i 6 euro sul conto Satispay del suo locale senza pagare nessuna commissione e nei prossimi giorni la stessa cifra verrà spostata sul conto corrente del locale se eccede la cifra di base che la signora ha stabilito per il suo Satispay.....in più, dopo il pagamento l applicazione si è chiusa in breve tempo! Quindi se mi rubano il cellulare non possono pagare con il mio denaro.....e anche se potessero (potrebbero sempre torturarmi con estrema violenza nel centro di Milano per farmi rivelare il PIN!!!!!...."come sono astute le forze del male", direbbe Giorgio Gaber!) non avrebbero a disposizione il mio conto corrente come succede con un bancomat clonato! I cattivoni avrebbero SOLO la cifra presente in quel momento sul mio conto Satispay che non può essere superiore alla suddetta cifra stabilita o se preferite...al budget del mio Satispay.

Consiglio di usare questo servizio con un budget di 200 euro (soglia massima attuale) fino al miglioramento del servizio, poi con trasferimenti di un giorno sarà possibile ridurre tale cifra senza rischiare di rimanere a secco quando serve.
Consiglio ai negozianti di non usare iPhone oppure cellulari che al momento del bisogno possono sparire o essere spenti per evitare scocciature ai clienti alle casse.
Chi vuole essere invitato da me o vuole altri particolari mi scriva nella pagina Contatti o sotto nei commenti ;)